Piccolo viaggio alla scoperta della Bretagna

Sono passati ormai tanti anni ma ricordo sempre con piacere il mio piccolo viaggio alla scoperta della Bretagna. Non c’è un motivo particolare per cui amo particolarmente questa regione francese, forse la bellezza delle sue cittadine (almeno quelle che ho avuto la fortuna di visitare), forse il fatto di averla girata con amici del posto che mi hanno fatto conoscere quel qualcosa in più, forse l’atmosfera che si crea in giro per quei piccoli centri. Un mix che porta spesso i miei pensieri a quel viaggio. Peccato per il tempo che non fu così tanto clemente e che, in tempi di fotocamere non digitali, non mi consentì un gran numero di fotografie (di alcuni posti non ho neanche una foto 🙁 ).

Alla scoperta della Bretagna partendo da Brest

Il mio soggiorno, con una carissima amica compagna di tanti viaggi, è iniziato una mattina all’aeroporto di Pisa direzione Parigi. Da lì un treno che ci ha portato a Brest dove ci attendeva la nostra ospite e… tanta pioggia, tantissima.
Di corsa a casa, una cenetta tranquilla e poi di corsa a dormire, la mattina dopo sarebbe iniziata la nostra avventura on the road. Purtroppo il tempo non clemente del primo giorno e la partenza molto presto la mattina seguente non ci hanno concesso di vedere Brest, se non una sbirciatina veloce al castello.

bretagna-brest-bretagnafrancia-it
www.bretagnafrancia.it

Bretagna: prima tappa Locronan

Lasciateci alle spalle Brest e la pioggia la nostra prima tappa la cittadina di Locronan. Uno splendore. Ecco quando penso alla Bretagna penso a Locronan. Quello che troverete è un paese che sembra non essere mai stato scalfito dal tempo. Le sue case in granito, la sua piazza, le sue viette. Tutto intatto. Bastano pochi passi per essere trasportati indietro nel tempo e in un attimo ci si aspetta che da uno dei caratteristici negozi esca qualcuno con gli abiti dei tempi che furono. Se andate in Bretagna non potete perdervi questo fantastico centro. Se poi vi organizzate per tempo, ogni 6 anni nel mese di luglio si svolge una maestosa processione, la Grande Troménie, la versione più “in grande” della Troménie che si svolge ogni anno nello stesso periodo.

bretagna-locronan

Bretagna: seconda tappa Cap Sizun

Che fai sei in Bretagna e non vuoi vedere l’Oceano Atlantico? Assolutamente no e allora ci siamo diretti a Cap Sizun, o per meglio dire alla sua punta più estrema, Pointe du Raz, il punto più a ovest d’Europa. Inutile dirvi che il panorama è da togliere il fiato. Già arrivando dalla strada principale, quando all’orizzonte si scorge il faro, lo sguardo si perde tra il cielo, il mare e le scogliere. Fatte le foto di rito siamo saltati nuovamente in macchina… destinazione Concarneau.

bretagna-cap-sizun

Bretagna: terza tappa Concarneau

Ormai sapete che io amo quei paesi racchiusi nelle proprie mura, dove tutto è rimasto come un tempo. Vi ho parlato di Carcassonne e vi ho parlato (nella mia crociera) di Dubrovnik, lo aveva già fatto Laura. Ecco Concarneau è così. Per accedere al centro storico si passa sopra un ponte. Poi all’interno delle mura tutto è rimasto intatto. Vi innamorerete di questo piccolo centro ed anche dei suoi dintorni.
Come raccomandano gli stessi Bretoni, in estate Concarneau è uno dei luoghi più visitati, quindi meglio andare fuori stagione. Attenzione perché correrete il rischio di trovare la pioggia come me. Ma voi non avrete lo stesso problema che ho avuto io: non avendo una fotocamera digitale ho evitato di fare foto sotto il diluvio. Avendo la certezza che non sarebbe stati scatti ottimi. Un tempo, lo sapete anche voi, ci si pensava due volte prima di fare una fotografia “brutta” che poi andava stampata per forza.

bretagna-concarneau
www.bretagna-vacanze.com

Bretagna: quarta tappa Vennes

A Vannes troverete un po’ di tutto, dalle classiche casette a graticcio ai palazzi signorili. Quello che si può assolutamente dire di questa città bretone è che trabocca storia da ogni angolo. E per questo vi consiglio di girarla in lungo e largo. Noi ci abbiamo passato un po’ di tempo e devo dire che il ricordo di quelle vie che si intersecano in un piccolo labirinto è ancora vivo nella mia mente, nonostante il passare degli anni.
Curiosità: tra Rue Rogue e Rue Noé troverete le mascotte della città, il signor Vannes e sua moglie.

bretagna-vannes

Bretagna: quinta tappa Dinan

Prima di ripartire, dall’aeroporto di Dinard (con scalo a Londra, cosa non si fa per risparmiare) abbiamo fatto tappa a Dinan. Qui il Medioevo vi rapirà e vi porterà nella sua storia. Camminando all’esterno della città la vedrete ergersi sulla collina e poi all’interno vi perderete tra le sue vie e le sue case.
Lasciata Dinan ci siamo dirette a Dinard, o meglio nelle sue vicinanze, una passeggiata sulla spiaggia e via di corsa a chiudere nuovamente i bagagli per ripartire, questa volta verso casa…

bretagna-dinan

Ultime curiosità

Ho alcune ultime cosa da dirvi per quanto riguarda la Bretagna. La prima è che ovviamente ci sono molte altre città da vedere che io per questioni di tempo non ho visto. Ci tornerò. Tra queste Rennes (con le sue case storte e Mont Saint-Michel con la sua alta marea. L’altra curiosità è legata proprio all’alta marea che non si palesa solo intorno alla celebre isoletta, ma in diversi punti della costa. A me è capitato di vedere le barche adagiate sulla sabbia e devo dire che fa piuttosto effetto.

bretagna

Lascia un commento