Come visitare Milano in un giorno: cosa non potete perdere!

Oggi mi sono divertita a improvvisarmi turista nella mia città, per farvi vedere come si può visitare Milano con solo un giorno a disposizione. Io non sono meneghina, ma dal mio amatissimo paesino in Piemonte, ho sempre desiderato vivere in questa città perché amo la frenesia, lo stile di vita, l’organizzazione e la velocità delle metropoli, oltre ad essere affascinata dalle sue bellezze di cui vi racconterò nelle prossime righe.

Ma come si può visitare Milano in un giorno?

E’ quasi impossibile, è vero, ma ci proviamo. Innanzitutto se arrivate a Milano in aereo potete raggiungere la Stazione Centrale con gli appositi bus, mentre se arriverete in treno (in qualunque stazione) sarete già pronti a passeggiare nella caotica “città della moda”, raggiungendo in metropolitana il Duomo, che è il primo meraviglioso posto in cui vi voglio far arrivare.

Il Duomo di Milano

Una volta giunti in piazza del Duomo, non dovete fare altro che fermarvi, alzare la testa e ammirare la cattedrale a lungo, lunghissimo, perché sarà una delle cose più belle che vedrete nella mia magnifica città.
Il Duomo è la meta fissa di ogni turista che visita il capoluogo lombardo, io vivo a Milano ormai da più di dieci anni e non è mai successo di passarci davanti e non vedere qualcuno che scatta una foto o si fa un selfie con questo splendido sfondo… e lo confesso, io stessa ogni volta faccio uno scatto anche solo col cellulare.

Galleria Vittorio Emanuele

Accanto al Duomo, sulla sinistra, c’è la Galleria Vittorio Emanuele, dove è d’obbligo fare due passi. La galleria rappresenta il passaggio pedonale d’eccellenza che collega piazza del Duomo a Piazza della Scala, dove c’è appunto il famoso teatro.  Nel centro, per terra, c’è raffigurato un toro, la tradizione, che si tramanda ormai da secoli, dice che porti fortuna porre il tacco del piede destro sopra gli attributi del toro, compiendo (o più) una rotazione ad occhi chiusi restando in equilibrio sul tallone. Anche se non siete scaramantici, il mio consiglio è di farlo, non si sa mai! Inoltre, non potrete raccontare a nessuno di essere venuti a Milano e di non aver fatto due passi in via Montenapoleone e di non aver assaggiato i famosissimi “panzarotti” di Luini, che sono a due passi dal Duomo… chiedete a chiunque: sono imperdibili!

A spasso in tram

Anche se la maggior parte di noi lo fa per praticità, a Milano non ci si muove solo in metropolitana. Se volete qualcosa di diverso fate un giro sui tram caratteristici della città. Le linee tramviarie si trovano sia in centro che in periferia e sono una parte importante della storia della metropoli: alcuni tram storici sono ancora in circolazione e l’invito è di farvi portare tra la confusione delle vie che vi circonderanno comodamente seduti dentro di loro. Se poi avete tempo per una cena (non troppo economica) ma sicuramente particolare prenotate sul tram ristorante: un modo semplice per abbinare un giro in tram e una cena romantica.

In zona del Duomo se ne incrociano diversi, ho scelto di prenderne uno, sull sito dell’ATM, l’azienda trasporti milanesi da consultare per come muoversi a milano, troverete i percorsi e portarvi sui Navigli.

I Navigli

Quelli più famosi di Milano sono due, quello Pavese e quello Grande, dove si concentrano una buona parte di localini per il famoso happy hour (che però vi farò fare altrove, verso sera…) di pizzerie, di ristorantini e da un po’ di tempo a questa parte, la Nuova Darsena. Il must in questa zona è passeggiare, passeggiare e ancora passeggiare… se intanto è arrivata anche l’ora di pranzo, il mio consiglio è di cercare una tipica trattoria milanese dove assaggiare la classica cotoletta, “alla milanese” appunto, o qualche altro piatto tipico della cucina locale.

Cattelan a Milano

Avete invece mai pensato di vedere un monumento un po’ particolare a Milano? O siete appassionati di arte contemporanea? Allora non potete perdervi la famosa scultura di Maurizio Cattelan in Piazza Affari (che potrete raggiungere in tram direttamente dai Navigli). Davanti al Palazzo della Borsa c’è… L.O.V.E.(libertà, odio, vendetta, eternità), la scultura del “dito medio” (sì, avete capito bene…) tanto discussa dell’artista padovano.

Il Castello Sforzesco

Una zona che amo particolarmente di Milano è quella del Castello Sforzesco, del Parco Sempione e dell’Arco della Pace, l’ultima tappa che vi suggerisco del tour che ho pensato per voi a Milano in un giorno. Il Castello Sforzesco è così maestoso, imponente e pazzesco soprattutto quando verso tardo pomeriggio diventa illuminato. La foto d’obbligo è seduti davanti all’immensa fontana che si trova davanti all’ingresso. Il Castello è molto bello e ci sono molte aree da visitare, tra le tante consiglio di vedere quella con l’ultima scultura incompiuta di Michelangelo.

Parco Sempione e Arco della Pace

Questo è un luogo a cui sono legata perché è in questo angolino verde della città che amo fare delle lunghe passeggiate, sia d’estate che d’inverno. Amo sedermi sulle panchine ad osservare chi passa chiacchierando, chi gioca sul prato con il proprio cane o chi fa attività fisica e corre. Vi invito a farci due passi anche solo per attraversarlo ed arrivare all’Arco della Pace.

Giunti all’Arco della Pace, anche solo metaforicamente, faccio con voi l’aperitivo, o meglio l’happy hour milanese (ben diverso da quello anglosassone che prevede sconti sulle bevande), in uno dei vari localini che ci sono in questa zona e che io amo in modo particolare perché sento più mia, forse perché non abito troppo lontano da questa fetta di Milano o perché è la parte che ho più frequentato, sia di giorno che di sera. L’aperitivo milanese, a mio parere copiato in malo modo in molti altri paesi, resta un appuntamento quasi quotidiano e si potrebbe anche definire come un vero e proprio simbolo della città: chiude la giornata lavorativa o da inizio alle nottate nei locali più trendy.

E’ arrivata l’ora di salutare, ma solo con un arrivederci, la scombinata Milano e di tornare a casa…

Milano, quanto è bella Milano, non la cambierei con nessuna città al mondo… I love Milano!

Lascia un commento