Le tradizioni più belle di Capodanno in giro per il mondo

Capodanno per me rappresenta un momento un po’ particolare: da anni ho abbandonato l’idea di viaggiare in quei giorni per dedicarmi agli amici e godermi il bello di stare insieme, in qualche casetta nella nostra bellissima Italia.
Ma quali sono le tradizioni più belle e caratteristiche legate al capodanno in giro per il mondo?

Le tradizioni più belle di Capodanno

Quella che mi ha più colpito è in Colombia, dove è tradizione girare per il quartiere con un trolley vuoto per far sì che sia un anno pieno di viaggi.
In El Salvador, si usa rompere un uovo a mezzanotte e lasciarlo fuori dalla finestra, quello che si vedrà la mattina dopo è ciò che ci aspetta per l’anno nuovo.

Capodanno nel mondo

In Scozia bisogna correre: appena scatta la mezzanotte il primo che passa la soglia di casa di un amico o vicino di casa riceve monete, pane e whisky.
In Argentina, tra le tante, esattamente a mezzanotte si deve fare un passo avanti con la gamba destra per iniziare l’anno… col piede giusto.

Capodanno nel mondo

In Olanda portafortuna mangiare delle piccole frittelline fatte di uova, canditi, uvette e poi ricoperte di zucchero.
In Russia (dove si festeggia capodanno in due date, l’1 e il 13 gennaio) si usa scrivere un desiderio su un foglio, gettarlo nel bicchiere e berlo prima delle 00:01.
Una delle tradizioni più usate anche in Italia, invece, è quella di mangiare 12 chicchi d’uva, uno per ogni rintocco delle campane, esattamente a mezzanotte. Tradizione per chi è abituato a mangiare veloce. Il rito è nato in Francia e da lì, ai primi del Novecento, si è diffuso in tutto il continente europeo.

Capodanno nel mondo

La tradizione più comune, comunque, resta quella di brindare e di divertirsi. Io, tra le tradizioni italiane sono affezionata a quella di mangiare lenticchie e cotechino alla mezzanotte e lascio sempre una candela accesa tutta la notte fuori dalla finestra perché dicono porti fortuna. E voi?

Lascia un commento