installazioni natalizie di Andare oltre si può

Gioielli italiani (temporanei): le installazioni natalizie di Andare oltre si può

Di gioielli sparsi sul territorio italiano ce ne sono un’infinità e tantissimi ve li ho anche raccontati, ma ce ne sono alcuni che hanno una durata precisa e che meritano uno sguardo in più per il loro significato.
So che il periodo natalizio ormai è alla fine, ma ho pensato che fosse bello parlarne oggi che è l’Epifania, soprattutto se è a “fin di bene”.
Dal 2013 nella mia città, Lucca, il Natale porta un dono in più: le installazioni natalizie di Andare oltre si può, associazione che si occupa di “stimolare, valorizzare e promuovere la creatività in ambito artistico/culturale con la finalità di diffondere la cultura dell’accoglienza, della “diversità” e dei diritti attraverso una solidarietà matura e consapevole” (dal sito andareoltresipuo.it).

Le installazioni natalizie di Andare oltre si può

Questa associazione negli anni ha promosso iniziative di diverso genere, da cene in bianco a mostre, da cd a magliette celebrative. Ma tra le tante cose, ogni anno nel periodo natalizio abbellisce Lucca con un’installazione che richiami ai temi della diversità. Quello che rende queste opere uniche, oltre al profondo significato intrinseco, è la possibilità per lo “spettatore” di interagire con l’installazione, entrando a farne parte.

Le installazioni natalizie di Andare oltre si può: 2013

La prima installazione, nel 2013, fu un grande cubo in piazza Anfiteatro (la piazza rotonda di Lucca), nel quale i visitatori potevano entrare, scoprendo un giardino natalizio. Come fosse uno scrigno. Sulle pareti, fatte di tende millesimi, venivano proiettati i volti dei ragazzi dell’associazione Down.

installazioni natalizie di Andare oltre si può 2013
Foto di Andare oltre si può

Le installazioni natalizie di Andare oltre si può: 2014

L’anno successivo, 2014, fu “La scoperta”. Un gioco di cubi giganti che formavano un albero di natale visitabile all’interno. Anche in questo caso lo spettatore “scopriva” i volti sorridenti dei giovani dell’associazione Down Lucca. Un luogo magico al suo interno dove poter condividere sguardi, sorrisi, stupore ed emozioni.

installazioni natalizie di Andare oltre si può 2014
Foto di Andare oltre si può

Le installazioni natalizie di Andare oltre si può: 2015

Il 2015 fu la prima volta di un’installazione di Andrea oltre si può nella piazza più centrale della città, piazza San Michele. There is light era una sorta di cubo di Rubik gigantesco (giusto per darvi l’idea dell’impatto visivo). Un cubo composta da 112 cubi colorati all’interno del quale era possibile entrare per essere avvolti dalla luce. Il 2015 fu un anno un po’ particolare. L’UNESCO aveva indetto l’anno internazionale della luce e su questo si basava il progetto iniziale. Ma alla fine ci furono alcune piccole modifiche, come spiegò all’epoca l’ideatore dell’installazione e art director di Andare oltre si può, Domenico Raimondi (ideatore di tutte li installazioni natalizie): “L’installazione è stata ideata e progettata nei mesi scorsi ma dopo i tragici fatti di Parigi ci siamo detti che era necessario tentare un passo in avanti. Gli anni scorsi i protagonisti sono stati i visi dei bambini e ragazzi dell’Associazione Down. Oggi ci rivolgiamo a tutti. Non vogliamo cedere alla paura, non vogliamo rinunciare alla libertà e alla gioia della vita. L’invito lo rivolgiamo a tutti: andare oltre si può“. Era infatti l’anno del grande attentato nella capitale francese, l’anno del “Bataclan”, l’anno che ci mise definitivamente tutti davanti al fatto che dovevamo scegliere se cedere alla paura o “andare oltre”.

Le installazioni natalizie di Andare oltre si può 2015
Foto in alto di Andare oltre si può

Le installazioni natalizie di Andare oltre si può: 2016

Arriviamo allo scorso anno, il 2016. Questa volta l’opera fu allestita in piazza San Francesco ed il suo titolo era In cammino. Un nome che stava proprio a significare quello che appariva davanti agli occhi degli osservatori: un corridoio nel quale entrare e iniziare un “cammino” fino all’altro capo. Un cammino di speranza, integrazione e solidarietà, con le immagini non solo dei ragazzi dell’associazione Down ma anche quelle dei giovani dell’associazione L’amore non conta i cromosomi. “Il progetto rappresentare la storia di chi intraprende un cammino, un viaggio: il moto continuo alla ricerca di una speranza; le barriere, i limiti del mondo reale; la ricerca, la curiosità e la speranza dei sogni che possono diventare realtà. Per tutti. Ecco la possibilità per i visitatori di curiosare ed entrare dentro così da diventare loro stessi parte dell’installazione, raccontò Raimondi.

installazioni natalizie di Andare oltre si può 2016
Foto di Andare oltre si può

Le installazioni natalizie di Andare oltre si può: 2017

E arriviamo a quest’anno, 2017. Come in altre occasioni ho avuto modo di vedere l’installazione dal vivo e vi assicuro che è stata un’emozione enorme. Una semplice casa di specchi e sopra raffigurata una natività luminosa. Detta così vi assicuro che se leggessi anche io non ne capirei molto il senso o la bellezza, ma una volta davanti a questo particolare presepe tutto prende senso e vita. Gli specchi consentono ai visitatori di guardarsi e di vedere i propri vicini, di capire quanto le differenze ci rendono unici ma uguali. Quello che abbiamo davanti, la natività, ci accomuna. Quello che siamo ci differenzia ma solo esteriormente. Tutti diversi ma tutti uguali davanti alla semplicità dell’amore. Welcome the difference ha questo significato: “Diversità e differenze non si nascondano ma si presentano, si affiancano, si mostrano e ci interpellano: accogliere il Bambino è assaporare la tenerezza dell’amore umile, infinito e universale. Guardare la Natività per guardare noi stessi. Guardare la Natività per non scappare da chi ci cammina fianco a fianco. Diversità e differenze non sono elementi da tollerare ma beni da tutelare. Sono la ricchezza da salvaguardare per superare pregiudizi e timori. Andare oltre si può. Ascolto, dialogo, condivisione, amplificare il confronto in modo estremo alla ricerca di una responsabilità che non necessita di reciprocità. Tutti siamo diversi, e non c’è niente di più bello. È umanità, è vita”, come riporta la didascalia posta vicina alla casa di specchi.

installazioni natalizie di Andare oltre si può 2017

Ora appuntamento al Natale 2018, con una nuova installazione, una nuova emozione.

Per essere sempre aggiornati sulle iniziative di Andare oltre si può seguite la loro pagina Facebook.

Lascia un commento