budapest-copertina

Budapest, lungo le rive del bel Danubio blu

Budapest è una delle città che in pochi giorni ho conosciuto meglio, sapete perché? Perché scoprire una città con chi ci è nato e ci vive da sempre è la cosa migliore che ci possa capitare.

Un amico comune mi aveva presentato Gabor, studente ungherese in quel periodo in Erasmus a Milano. Ma se i contatti con l’altro amico con il tempo si erano andati a perdere con lui, avevo sempre mantenuto un rapporto epistolare (e-mail). Così qualche anno dopo, e dopo una lunghissima serie di inviti da parte sua, decisi di andare a Budapest a trovarlo. Ma non andai da sola: un gruppo di amici si aggregò e per questo alloggiai in hotel e non casa di Gabor.

Befana a Budapest

I prezzi degli aerei per capodanno erano proibitivi, quindi optammo per un viaggio ad anno nuovo, più precisamente per Befana. Arrivammo a Budapest il 3 gennaio (era il 2005) con 5 giorni a nostra disposizione. La prima cosa che feci, ovviamente, fu incontrarmi con Gabor.  Pioveva, ma non potevamo resistere e una capatina sul vicino ponte sul Danubio lo facemmo comunque.

Il giorno dopo è iniziato il nostro vero viaggio alla scoperta della città. La prima cosa che abbiamo chiesto a Gabor, per poter organizzare al meglio la visita, era se a Befana tutto sarebbe stato chiuso. La risposta fu negativa. A differenza che da noi non si festeggia e, almeno all’epoca, trovammo tutto aperto (ma se fate la mia scelta temporale conviene che vi informiate prima, magari nel tempo le cose sono cambiate).

Prima di raccontarvi quello che dovete vedere vi do qualche piccola indicazione storica: Budapest è l’unione di due città, Buda e Pest, divise dal Danubio. La sua cultura va di pari passo con quella di Vienna, ovvero quella dell’Impero Austro-ungarico, ma la sua storia affonda le radici in epoca romana. Furono i Romani a sfruttare per primi le sorgenti termali. Poi molte furono le invasioni, dai Mongoli ai Turchi fino agli Asburgo.

budapest-veduta

Le bellezze artistiche

Se c’è una cosa che non manca a Budapest sono le bellezze artistiche, e per quelle non serve una guida, che sia in carne ed ossa o cartacea. Basta voltare lo sguardo un po’ qua e un po’ là. Ma ci sono alcune cose che non potete perdere. La prima che vi consiglio è il Castello di Buda, patrimonio UNESCO, collegato al Ponte delle Catene (altro monumento che dovete vedere assolutamente), con una funicolare, il Sikló, oppure tramite la lunga scalinata che parte ai piedi della collina del castello. All’interno del palazzo reale potrete trovare alcun musei. Sulla collina troverete anche la Chiesa di San Mattia e il Bastione dei Pescatori.

Sulla sponda opposta del Danubio, a Pest, si erge il meraviglioso palazzo del Parlamento. Un vero gioiello. L’edificio è aperto, in parte, al pubblico. Dovete avvalervi delle visite guidate, un’esperienza che vi consiglio. Sempre a Pest visitate la Basilica di Santo Stefano e passate almeno davanti al Teatro dell’Opera per ammirarne l’architettura.

Tra le altre cose da non perdere la Piazza degli Eroi e le stazioni della metropolitana. Alcune sono davvero stupende. Piccola curiosità, dietro piazza degli Eroi, se andate in inverno, c’è un laghetto che diventa una splendida pista di pattinaggio sul ghiaccio. E’ stata la mia prima volta sulle lame, bellissimo. Infine vi consiglio una visita al ghetto ebraico.

budapest-citta

Relax e golosità a Budapest

Tantissima arte, in ogni angolo, ma a Budapest potrete anche coccolarvi un po’. Per gli amanti del relax non potete perdervi le terme. Ci sono diversi stabilimenti sia a Budapest che nei dintorni. Personalmente sono stata ai Bagni Gellért. Bellissimo palazzo e bellissimi impianti sia all’interno che all’esterno.

Per i golosi ci sono davvero un’infinità di pasticcerie deliziose. La tradizione dolciaria dell’Impero che fu è arrivata fino ai giorni nostri. Non fatevi mancare una fetta della torta Dobos, una vera specialità cittadina. Se ne cercate una veramente storica vi consiglio la Ruszwurm dove si dice facesse una capatina ogni tanto anche l’Imperatrice Sissi.

Io invece mi sono concessa una torta ed una tazza di cioccolata calda alla Gerbeaud. L’ambiente è un’opera architettonica stupenda ed il vostro palato sarà deliziato dalle loro specialità, ve lo assicuro. Poco distante potrete fare una foto con la famosissima statua Kiskirálylány (Little Princess).

budapest-relax

Ultimi consigli

Budapest è bella in tutte le stagioni. Io ci sono stata d’inverno e l’ho trovata affascinante, ma Gabor mi ha assicurato che durante la bella stagione sa essere oltremodo suggestiva. Inoltre, se decidete di andare in primavera/estate, potrete godervi anche i dintorni e soprattutto il Lago Balaton.

Lascia un commento