Lazise

Borghi d’Italia: Lazise, una perla sulle sponde del Lago di Garda

Oggi vi porto con me a Lazise. Come vi ho raccontato più volte la passione della mia famiglia per i viaggi in camper mi ha consentito di scoprire delle vere e proprie perle in giro per l’Europa e soprattutto sul nostro meraviglioso territorio italiano e questo piccolo paese sulle sponde del Lago di Garda è una di quelle.

Lazise lago

Lazise: la storia

A guardarlo oggi si presenta con un borgo di grande rilievo artistico architettonico, ma non è solo questo. Lazise affonda le sue radici storiche già nell’età del bronzo. Il Castello e le mura sorsero durante il potere degli Scaligeri, ma dopo l’assedio del 1387 il borgo passò sotto il dominio dei Visconti prima e dei da Carrara dopo. Nonostante la ribellione nei confronti di Venezia fu proprio la Serenissima nel 1409 a ordinare il restauro delle fortificazioni e l’insediamento di un castellano che se ne occupasse e che tenesse sotto controllo le “faccende” militari. Lazise divenne quartier generale francese dopo la Rivoluzione Francese, quando da lì passavano i soldati diretti in Tirolo. Una presenza scomoda visto che i cugini d’Oltralpe non si limitarono a stazionare in città ma letteralmente saccheggiarono il borgo. Vennero poi anni di passaggi di testimone, dalla Repubblica Cisalpina al Regno d’Italia, al Regno Longobardo-Veneto all’Impero Austriaco. Nonstante fosse divenuta centro nevralgico sia nel corso della prima che della seconda guerra di Indipendenza solo con la terza, nel 1866 Lazise fu annessa al Regno d’Italia.

Lazise mura

Lazise: le sue bellezze

La prima cosa che incontrerete a Lazise è la sua cinta muraria. Dovrete attraversare una delle sue tre porte, con tanto di ponte levatoio, per entrare in città. Una cinta che la racchiude e la rende davvero particolare. Una volta oltrepassate le mura il mio consiglio è di perdervi nel suo centro storico. Le vie che portano alla riva del lago sono caratteristiche e piene di negozi. La piazza principale si estende sul porto vecchio e regala un panorama splendido specie al tramonto. E proprio vicino alla riva troverete la piccola chiesa di San Nicolò, io me ne sono innamorata. L’altra chiesa da non perdere è quella dei SS. Zenone e Martino. Altro monumento di rilievo è la Dogana Veneta. Infine ci sarebbe il castello ma non è visibile in quanto abitato da privati.

Lazise san nicolò

Lazise in camper
Come vi ho detto sono arrivata a Lazise in camper ed ho trovato un’accoglienza sicuramente migliore di quella che ci hanno riservato a Malcesine (piccoli inconvenienti del mestiere di camperista). Nel nostro caso abbiamo sostato, anche di notte, presso un parcheggio subito all’esterno di una delle porte di accesso alla città. Era una grande spiazzo sterrato aperto sia alle auto che ai camper, ovviamente a pagamento. Ma Lazise ha anche un campeggio comunale con piazzole, bungalow o solo parcheggio per i camper in transito.

Lazise porta ingresso

Lascia un commento