iTop: 5 isole da girare in bicicletta

L’idea di questo post mi è venuta pensando alla mia mamma che ha l’hobby del ciclismo. Ma in effetti, pensandoci bene, conosco tantissime persone amanti della bicicletta e mi sono chiesta quali potessero essere 5 isole da girare sui pedali

Alla scoperta delle isole in bicicletta

Ischia, Italia

Ischia con i suoi  46,5 km², è la più grande delle isole del Golfo di Napoli. Spesso si pensa a Ischia per le terme, il mare e le zone costiere ma in realtà l’isola propone ben 50 km di percorsi sterrati da fare in bicicletta. Itinerari che attraversano boschi, montagne e pinete, fino a arrivare alla vetta del Monte Epomeo (788 m). Ci sono due percorsi uno su strada ed uno per la mountain bike. Il primo con partenza e arrivo da Forio a est dell’Isola per un percorso di 32 km e un dislivello di 910 mt, mentre il secondo sempre con partenza ed arrivo a Forio, stessi km, ma un dislivello di mt 1.100, quindi un po’ più complicato…

Isola d’Elba, Italia

L’Isola d’Elba, offre strade e sentieri segnalati immersi nella natura ed è un vero e proprio paradiso per gli appassionati della mountain bike e non solo. Ci sono oltre 100 km di possibili percorsi spettacolari e interscambiabili tra loro, ognuno è abbinato ad un colore e segnalato sul territorio da appositi cartelli che ne indicano il nome, la direzione da seguire, un numero riferito al punto in cui è collocato il segnale in modo che possa essere individuato sulla cartina e il nome della località in cui è si trova. Si passa dal Monte Calamita alla vecchia strada delle miniere, a panorami pazzeschi a picco sul mare, tra salite e discese attraversando maneggi, fattorie e… con probabili incontri ravvicinati con le pernici rosse…

Isola di Mljet, Croazia

L’isola, raggiungibile in traghetto da Dubrovnik, ha una lunghezza di 37 km ed è ricoperta per la maggioranza del territorio da boschi e si è deciso di istituire un parco nazionale proprio nella sua parte più occidentale. In bicicletta (e anche in canoa…) è possibile raggiungere i due golfi interni dell’isola percorrendone poi il perimetro. Da Soline, il punto dove finisce l’asfalto, si può seguire in un percorso sterrato che si insinua nel parco per chi preferisce pedalare e inizia un sentiero ombreggiato immerso nella vegetazione, che prosegue lungo la costa, da qui è possibile in vari punti scendere verso il mare, fare il bagno e rilassarsi sugli scogli…

Isola di Ponza, Italia

L’Isola di Ponza. lunga 7,35 km, sorge al largo del Parco nazionale del Circeo e delle cittadine di Formia e Gaeta. Da Ponza si può pedalare in un’oasi di pace fino a le Forna seguendo l’asfalto e deviando verso la costa per fare un bagno al mare o anche solo per guardare le bellezze naturalistiche dell’isola. L’itinerario non è impegnativo, si tratta di 5 km con un dislivello di 170 mt. Anche la mountain bike è un buon mezzo per girare l’isola vista la presenza di numerosi sentieri che conducono nelle parti più nascoste dell’isola. Cala Acqua, Cala Feola e altre spiaggette saranno un vero divertimento da raggiungere in sella ad una mountain bike. Si può optare anche per un’altra strada per il ritorno, da le Forna e Campo Inglese è di 2,2 km con  un dislivello di 125 mt quindi altrettanto semplice. Per visitare Ponza in bicicletta consiglio di evitare i mesi di luglio e agosto.

Minorca, Spagna

Minorca coi suoi 48 km di isola, è l’ideale per chi è amante delle pedalate. I percorsi sono abbastanza semplici, le strade in buone condizioni e le cose da vedere davvero tante. Da Ciutadella, per esempio, in 16,5 km si può raggiungere Ferreries o con ulteriori 15 km Es Mercadal, un piccolo villaggio ai piedi del Monte Toro. Se avete qualche giorno a disposizione potete anche scegliere di attraversare l’isola da Ciutadella a San Lluis lungo i 65 km di tracciato. Nell’entroterra esistono invece diversi trail ideali anche per mountain bike (camis). L’unica cosa da ricordare assolutamente che in Spagna è obbligatorio usare il casco.

Pubblicato in iTop

Lascia un commento